Creative Connection

Fotografare il lato umano della tecnologia medica

Se stai fotografando storie sulla guarigione, affronti una serie unica di sfide: catturare lo spirito umano, la compassione e la brillantezza di ricercatori, medici, infermieri e pazienti, insieme alla tecnologia che è alla base di tutto. Quelle macchine senza volto che fanno tanto bene a noi non tendono a rivelare i loro scopi in modo visivo. Quindi, come comunichi gli usi di una macchina, preservando nel contempo le esperienze delle persone? Abbiamo parlato con Lydie Naneix, presidente dell’agenzia di fotografia scientifica e medica BSIP per lo scoop su come raccontare storie umane con argomenti high-tech.

 

Catturare Umani, Tecnologia e Guarigione

“Facciamo due tipi di storie”, dice Lydie, “quelle che mostrano le nuove tecnologie che rappresentano il futuro della medicina e quelle che spiegano la pratica quotidiana della medicina moderna per malattie comuni che richiedono il ricovero”.

Il solo accesso all’argomento è un processo meticoloso. Lydie e il suo team raggiungono direttamente i medici, quindi ottengono il permesso dall’ospedale e dai pazienti: questa preparazione può richiedere mesi.

Una volta che è sul posto per fotografare una procedura, si tratta di lavorare con il medico per catturare i momenti giusti. “Il chirurgo guida il fotografo e avverte quando qualcosa di importante sta per accadere. I medici insegnano spesso all’università, quindi sono pedagoghi. A loro piace spiegare il loro lavoro perché amano ciò che fanno, sono appassionati”.

Oltre a cogliere il momento giusto, ci vuole anche abilità nel creare un punto di vista riconoscibile. “Nel caso di esami e trattamenti che richiedono sofisticate apparecchiature mediche”, dice Lydie, “ci piace consentire agli spettatori di mettersi nei panni del medico o del chirurgo, o anche dei pazienti”. Questo significa creare un’atmosfera e un’estetica che mostra i punti in cui gli esseri umani e la tecnologia si connettono. Lydie aggiunge: “Siamo interessati ai gesti, alla gestione di schermi, strumenti e attrezzature in spazi medici reali”.

 

 

 

C’è anche un atto di bilanciamento quando si tratta di fotografare un intervento chirurgico o un infortunio. Lydie e la sua squadra devono muoversi con cautela. “Le immagini mediche non dovrebbero impressionare gli operatori sanitari o il pubblico in generale. Con le procedure chirurgiche, riduciamo la vista del sangue e ci concentriamo sul lavoro del medico”.

 

 

Stare al Passo con la Tecnologia

Un altro grande ostacolo nel fotografare la tecnologia medica è l’accesso agli ultimi sviluppi. “Le foto che presentano la più grande sfida sono quelle relative alle nuove tecnologie come robot, assistenti robot e gli usi dell’intelligenza artificiale. È difficile trovare ospedali, medici e pazienti pronti a comunicare immediatamente questi progressi”.

Ma anche se la tecnologia medica si sviluppa ad un ritmo vertiginoso, la gente continua ad avere più importanza. Come spiega Lydie, “L’elemento umano è alla base di tutta la tecnologia, ancora di più dal momento che le tecnologie che fotografiamo sono al servizio degli esseri umani. Cerchiamo di illustrare questo. Mentre siamo specializzati in medicina, il nostro obiettivo è illustrare la collaborazione tra medici, ricercatori e tecnici che sviluppano nuovi strumenti con cui trattarci”.

 

Vedi di più su BSIP su Adobe Stock.

 

Immagine di intestazione di BSIP.

Adobe Stock, Creatività, fotografia

Join the discussion