Creative Connection

Copertine di Vogue in 100 anni di Natale

In piena stagione delle vacanze, la febbre di Natale si scatena: Babbo Natale invade la pubblicità e renne, elfi, lucine e regali ben impacchettati invadono le copertine di cataloghi e riviste. Ma la copertina di Vogue, rinomato per la sua posizione di leader e figura principale nel mondo della moda, ha un modello leggermente meno stereotipato.

La cosa più interessante del guardare l’evoluzione attraverso la fotografia di moda e giornalismo è che mostra con precisione assoluta gli interessi e le tendenze di ogni epoca. Mostra anche i dettami dei media autorevoli in moda, design, musica, font etc.

La nostra prima tappa è la soirée di avanguardie del 1914, con i primi accenni iniziali della tendenza art nouveau che si sarebbe rivelata estremamente popolare. A quel tempo, l’illustrazione era più frequentemente utilizzata per la fotografia di natura morta, modelli o (più avanti) celebrità sulla copertina di Vogue.

A due anni di distanza dalla prima guerra mondiale (1914-1918), i caratteri si stavano evolvendo da corsivo al font seriph che avrebbe poi raggiunto lo status di icona in tutto il mondo.

A volte, la rivista ha anche agito come una piattaforma per artisti diversi. Avvenne ad esempio per l’illustratrice americana Helen Dryden, che disegnò la copertina del 1920 ed è stata una fedele collaboratrice per la rivista Vogue per quasi 15 anni. Dryden, che divenne la disegnatrice femminile più pagata degli Stati Uniti, ha creato disegni magici e romantici che si ispirano più alla fantasia che realtà.

Nel 1940, il fotografo moderno John Rawlings, che ha lavorato per Condé Nast per 30 anni, ha creato una delle copertine più caratteristiche della rivista. Ha anche avuto il coraggio di giocare con il tipo di font, che era già iconico in quel periodo. Su questa copertina, Rawlings ci dice che quella donna, avvolta in un nastro e con un bigliettino, è il regalo di Natale.

Sei anni più tardi, il grande Salvador Dalí ha creato la copertina di dicembre nello stile del suo iconico universo surrealista, che rappresenta una dualità quasi simmetrica che potrebbe suggerire una scissione dell’identità unica a questo periodo dell’anno.

Da allora in poi, la squadra iniziò a concentrarsi sulle fotografie di donne sulle copertine, che più sottilmente riflettono l’eleganza e l’evoluzione dello stile nel corso degli anni. Non è stato fino al 1970, per esempio, che abbiamo iniziato a vedere alcuni volti famosi, con le copertine di Sophia Loren o la principessa di Galles – molto in stile anni ottanta – sui temi di Natale.

L’arrivo di Anna Wintour ha introdotto definitivamente l’arrivo di celebrità di Hollywood sulle copertine e segna una ‘prima’ e un ‘dopo’ nel look della rivista. Così, copertine come quelle di Naomi Campbell e Kate Moss – fotografata da Mert Alas e Mario Testino – costituiscono un precedente nell’uso di temi e motivi di Natale, stabilendo approcci che evitano rappresentazioni più tradizionali dei Festival di inverno.

Abbiamo tracciato un lungo viaggio della rivista fino alla copertina di dicembre 2016 con Lily-Rose Depp che rappresenta un albero di abete, segnando un notevole contrasto con la copertina del 1914.
Quale tendenza 2017 sarà abbastanza influente di aderire a questa lunga fila di copertine di fine anno?

 

 

 

branding, design, illustrazione, ispirazione

Join the discussion