Creative Connection

La realtà aumentata ad Adobe MAX: come Project Aero metterà la potenza dell’AR nelle mani dei creativi

Ogni anno, Adobe MAX offre alla comunità dei creativi l’incredibile opportunità di incontrarsi per festeggiare i traguardi raggiunti e guardare al futuro del design e della creatività. Per questo motivo, ci è sembrato che fosse l’occasione perfetta per annunciare Project Aero, un tool completamente integrato per la realtà aumentata che permetterà ai designer di creare esperienze in AR pur non avendo alcuna conoscenza di programmazione.

L’AR è una tecnologia autenticamente trasformativa; un modo per i designer di creare esperienze che fondono il mondo fisico e quello digitale. Aero è ancora agli inizi (la beta privata è appena cominciata), ma l’annuncio ha già scatenato un incredibile entusiasmo. Continua a leggere per vedere tutte le novità su Aero presentate al MAX e scoprire come prendere parte al progetto.

Portiamo l’AR nel tuo flusso di lavoro su Creative Cloud

Sul palco principale di Adobe MAX, durante il suo discorso di apertura, Scott Belsky, Chief Product Officer e Executive Vice President per Creative Cloud, ha rivelato la nostra strategia per l’AR.

“L’AR non sarà nulla senza fantastici contenuti animati e interattivi che ne sfruttino le potenzialità. Riteniamo che sia nostra responsabilità assicurare che i nostri tool, i tool che voi usate, spianino la strada agli strumenti di domani, come l’AR”, ha detto Scott.

Oltre a essere uno strumento di authoring per l’AR, Project Aero si integrerà anche con altri tool e si collegherà alle risorse digitali di piattaforme quali Photoshop, Illustrator e Dimension, attingendo alla tecnologia di AI di Adobe Sensei e a un fiorente ecosistema di integrazioni ed estensioni. I designer potranno non solo creare esperienze di AR sui propri dispositivi desktop e mobile tramite semplici funzionalità di drag-and-drop, ma anche usare in nuovi modi gli strumenti Creative Cloud già esistenti. Immagina di trasformare i tuoi disegni 2D in modelli 3D e di posizionarli nel mondo che ti circonda, aggiungendo avanzati effetti di luce e texture che li renderanno iperrealistici: questa è la potenza di Aero.

Design immersivo e opportunità di marketing

Gli effetti di Project Aero, e più in generale della strategia di Adobe per l’AR, si estenderanno anche al di là dei processi di design. Le implicazioni per il futuro delle esperienze di marketing immersive sono enormi e questo è emerso chiaramente anche durante il discorso di presentazione. Il Chief Technology Officer di Adobe Abhay Parasnis ha accolto sul palco Simone Cesano, Senior Director of Design Technology per Adidas, che ha spiegato come l’azienda si stia accingendo a rivoluzionare le proprie attività creative e di marketing con l’uso dell’AR.

“L’AR crea una nuova tela digitale che possiamo usare per raccontare storie uniche, incredibilmente profonde e, al tempo stesso, intuitive per il consumatore”, ha detto Simone, spiegando perché la famosa azienda di abbigliamento sportivo è così entusiasta di lavorare con il team di Project Aero. “Il potenziale è infinito”, ha detto, riferendosi ad Aero e alla capacità dell’AR di trasformare il modo in cui i consumatori vengono informati sui prodotti e interagiscono con essi.

Oltre che nel mondo degli affari, la possibilità di usare Project Aero per creare esperienze immersive con la realtà aumentata troverà applicazione anche in ambito artistico. Al MAX, presso lo stand Creative Residency, la Creative Resident di Adobe Nadine Kolodziey ha trasformato la propria arte in una tela in AR, dandoci un assaggio di ciò che si prefigge di realizzare durante la sua permanenza in Adobe: “Fondere l’illustrazione analogica, basata sulla ricerca, con una [versione in realtà aumentata] che permette agli osservatori di sperimentare in prima persona quello che io ho scoperto nel mio studio”.

Il meglio deve ancora venire

Dopo Adobe MAX, Project Aero ha acquistato ancora più slancio. All’evento Apple di ottobre, durante l’annuncio del nuovo potente iPad Pro, la Product Manager di Adobe Chantel Benson ha dato una dimostrazione delle funzionalità dell’imminente Photoshop per iPad e Project Aero. È una prova dell’impegno di Adobe a rendere la creazione di esperienze di AR accessibile ai designer, in Photoshop e oltre, e a utilizzare l’hardware e le tecnologie più potenti al mondo.

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere maggiori informazioni su Project Aero e per restare aggiornato su tutte le novità riguardo la strategia per l’AR di Adobe. Se sei un designer interessato a partecipare alla beta privata di Project Aero, puoi sottoporre la tua candidatura compilando questo modulo. Ci siamo assunti l’impegno di lavorare a Project Aero in collaborazione con la nostra community, sia prima che dopo la sua distribuzione nel 2019. Adobe MAX è stato solo il primo passo. Ci auguriamo che vorrai essere al nostro fianco mentre lavoriamo per creare un tool di authoring per l’AR che renderà semplice per i designer creare contenuti immersivi di grande impatto.

Adobe MAX, Creative Cloud, Creatività

Partecipa alla discussione