Creative Connection

Silenzio e Solitudine: fuggire dal sovraccarico di informazioni

Ti sei mai soffermato su un’immagine di un paesaggio tranquillo, o desiderato un momento di contemplazione solitaria? Non sei il solo. In un’era digitale caotica, il silenzio scarseggia. E gli artisti e i brand stanno rispondendo con fughe nel Silenzio e nella Solitudine – la nostra prima tendenza visiva per il 2018.

We’re seeing a growing demand for images that convey comfort and regeneration. Images that take us back to nature, that show that less is more. Viewers are responding to imagery that offers respite — these images operate like a breath of fresh air to the viewer. They present a break from a demanding and confusing time.

Stiamo assistendo ad una crescente richiesta di immagini che trasmettono conforto e rigenerazione. Immagini che ci riportano alla natura, che dimostrano che less is more. Gli spettatori stanno rispondendo alle immagini che offrono sollievo – queste immagini funzionano come una boccata d’aria fresca per lo spettatore. Offrono una pausa da un tempo impegnativo e confuso.

Immagine di Cesar Santallàn

Il rumore

Come diceva Michael Kimmelman, critico di architettura del New York Times, se l’odore era la “piaga non detta delle città” nel Medioevo, oggi la nostra peste è il rumore. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, un numero enorme di noi sperimenta livelli insani di rumore ogni giorno, e questo ha un impatto su tutto, dal nostro sonno, alla nostra salute cardiovascolare alle nostre prestazioni al lavoro e a scuola.

Ma non è solo il rumore letterale che ci affligge, è anche l’informazione 24 ore su 24, la politica e la forza implacabile delle distrazioni digitali. Gli studi recenti indicano che trascorriamo cinque ore al giorno su dispositivi mobili e più di 10 ore al giorno prendendo informazioni attraverso i nostri schermi — che è significativamente più tempo di quello che trascorriamo dormendo! Questo stile di vita sempre attivo ci fa sognare di disattivarlo e di spegnerlo. Le persone creative ne prendono atto e offrono delle soluzioni.

Immagine di Anna Cor

La ricerca di silenzio e solitudine

All’estendersi costante del rumore, così si rafforza la nostra esigenza di uno spazio per riprendere fiato, distendere la mente e affrontare le nostre vite digitali in modo più consapevole. In ufficio, stiamo assistendo ad una proliferazione di tutto, dal cuffie che annullano il rumore , all’architettura e ai mobili per ufficio progettati per attutire i rumori. E non c’è da meravigliarsi – uno studio recente ha riscontrato che un impiegato medio viene interrotti nel suo lavoro ogni 11 minuti. Unisci questo al fatto che ci vuole una media di 25 minuti per tornare concentrati alla propria attività originale dopo un’interruzione, puoi vedere come un’oasi di tranquillità può significare tutto per la produttività.

Navy, un’agenzia di design a Melbourne, in Australia, ha intrapreso una ricerca della solitudine: hanno istituito un’ora di tranquillità quotidiana quando i dipendenti tacciono sia online che offline. La società sostiene che i loro team sono il 23% più produttivi e significativamente meno stressati da quando hanno lanciato il programma, e addirittura se ne vanno il venerdì pomeriggio a causa dell’aumento della produttività.

Oltre l’ufficio, la tranquillità sta diventando qualcosa in più che una semplice mancanza di rumore, si sta evolvendo in un bene di lusso. Ad esempio, VisitScotland ha iniziato ad attirare turisti promuovendo la quiete, mentre Maison et Objet, arredamento di alta gamma di Parigi, ha lanciato una linea di arredamento – dai vasi ai mobili – progettata per creare spazi silenziosi.

Immagine di Fran Mart

Per i consumatori che hanno difficoltà ad avvicinarsi al rumore digitale in modo consapevole, c’è una startup, Watermelon Sugar, la cui app permette di visualizzarsi come un essere digitale, che diventa deforme se sovraesposto a troppe informazioni digitali.

Trovare silenzio e solitudine nel mondo visuale

Questo desiderio di più spazio per pensare e respirare sta avendo un impatto profondo anche nel mondo visivo. Considera la recente esposizione di Doug Wheeler al Guggenheim, in cui gli spettatori erano immersi sia nel silenzio sia in una impressione visiva di spazio infinito e non occupato.

Nel mondo stock, la tendenza spazia da paesaggi mozzafiato, a momenti di solitudine, a immagini con pochissimo rumore visivo.

Le immagini del fotografo naturalista Sander van der Werf offrono agli spettatori una tregua temporanea dal mondo costruito dall’uomo. Durante il suo viaggio nella Lapponia svedese, Sander ha vissuto condizioni difficili, accampandosi a temperature ben al di sotto dello zero, “ma anche”, aggiunge, “paesaggi meravigliosi, luminosi e bellissimi e fantastiche opportunità per la fotografia notturna”.

Immagine di Sanderstock

Le condizioni stesse richiedevano una sorta di semplicità, che potrebbe essere parte di ciò che stiamo assorbendo come spettatori del lavoro di Sander. “Soprattutto durante le lunghe escursioni, devo mantenere il peso del mio zaino piuttosto accettabile. Questo significa che devo scegliere quale attrezzatura fotografica poter portare e cosa lasciare a casa. Devo essere un minimalista”.

La fotografa Julia Nimke sta trascorrendo l’anno della sua Adobe Creative Residency viaggiando in località remote, incontrando persone che vivono nelle ambientazioni dei tradizionali racconti popolari europei. “Sono sempre stata interessata alla lontananza e ad essere completamente solo in un posto”, spiega. Mentre viaggia oltre la portata del rumore high-tech, anche il suo ritmo cambia. “Trovare persone da intervistare e fotografare senza l’ausilio di internet mi aiuta a mantenere un flusso di lavoro più lento — e mi costringe a trascorrere del tempo in un’area al fine di conoscere le persone faccia a faccia.” Le immagini risultanti ci permettono di prenderci una pausa, pensare alla nostra dieta digitale e contemplare se vogliamo davvero trangugiare tutte le informazioni così in fretta.

Abbiamo chiesto a Julia alcuni consigli da dare ad altri artisti che vogliono abbracciare la solitudine. “A volte è difficile e puoi sentirti solo, ma dopo quella sensazione arriva una sensazione completamente nuova di pace interiore. Sento che è più importante che mai per tenersi fuori dell’universo di consumo eccessivo e circondarsi con una minima quantità di cose, ma della massima natura, o di qualunque cosa tu stia desiderando”.

Immagine di Julia Nimke

 

Più Silenzio e Solitudine

Per altre immagini stock che abbracciano il silenzio e la solitudine, visita la nostra gallery dedicata e seguici a gennaio e febbraio, perché parliamo si artisti il cui lavoro ci da pause, la tranquillità e lo spazio per pensare. E non perderti la nostra previsione di tendenza per il 2018.

 

Adobe Stock, Visual Trends 2018

Join the discussion